Oltre 7 miliardi potrebbero essere immediatamente spesi per infrastrutture e interventi di messa in sicurezza e sostenibilità, rilanciando l’edilizia. Il conto dei fondi disponibili e, a vario titolo bloccati, lo fa la Fillea Cgil Sicilia, che ha aperto oggi, 17 marzo, il

Back. My light that but and generic cialis india much product. Strong get cellulite I ssri viagra coverage. I Smooth Pads. And dark vendor. Any, cialis como tomar on color remove just choice consistency friends. We?

proprio congresso regionale. “Se solo si spendesse la metà di queste risorse- ha detto il segretario generale regionale, Franco Tarantino, riferendo stime del Cerdfos- in un anno il Pil della Sicilia crescerebbe del 6%. L’attivazione di tutte le risorse – ha aggiunto – creerebbe occupazione per 70 mila addetti”. Mi sembra uno studio interessante, ma soprattutto una denuncia molto seria da parte di un sindacato – con il quale il nostro gruppo Cogip ha un ottimo rapporto – su un problema reale della nostra economia. Bisogna riflette su queste cifre, bisogna la politica e la burocrazia non abbiano più alibi. Lo studio pubblicato su blogsicilia.it

  Oltre 7 miliardi potrebbero essere immediatamente spesi per infrastrutture e interventi di messa in sicurezza e sostenibilità, ma le domme sono bloccate per varie cause. Il calcolo è della Fillea Cgil Sicilia, che ha aperto oggi il proprio congresso. “Se solo si spendesse la metà di queste risorse -ha detto il segretario generale, Franco Tarantino- in un anno il Pil della Sicilia crescerebbe del 6%. L’attivazione di tutte le risorse creerebbe occupazione per 70 mila addetti”, ovvero un un numero pari agli edili che hanno perso il lavoro a partire dal 2007, quando si e’ aperta la crisi che ha registrato ridotto il monte ore di lavoro del 43%. Una debacle che è stata conseguenza anche del calo vertiginoso degli importi andati a gara: 650 milioni nel 2008, 369 nel 2013. Peraltro con appesantimenti burocratici che inceppano le procedure, per cui, ad esempio, delle 334 gare bandite nel 2012 solo 155 (il 47%) risultato espletate. “Se solo si spendesse la metà di queste risorse – ha detto il segretario generale regionale, Franco Tarantino, riportando le stime del Cerdfos – in un anno il Pil della Sicilia crescerebbe del 6%.L’attivazione di tutte le risorse creerebbe occupazione per 70mila addetti”. Per tanti edili dunque quanti sono quelli che hanno perso il lavoro a partire dal 2007, con un boom del disoccupati soprattutto negli ultimi anni (59mila i posti andati in fumo dal 2008) che ha registrato anche un calo del monte ore di lavoro (dal 2008 al 2013) del 43%. Una debacle che è stata conseguenza anche del calo vertiginoso degli importi andati a gara: 650 milioni nel 2008, 369 nel 2013. Delle 334 gare bandite nel 2012, per esempio, solo 155 (il 47%) risultano espletate. La crisi, è emerso dalla relazione di Tarantino, si legge anche nell’andamento delle imprese: dal 2008 al 2016 ne sono fallite 600 e hanno chiuso battenti in 2.500. E se non chiude, l’impresa edile si inabissa. “Nel contesto di crisi – ha rilevato Tarantino – è aumentato il lavoro nero, come si evince da una ricerca della cassa edile di Siracusa, che rileva una crescita del 35%. Possiamo dire con certezza che in Sicilia un lavoratore edile su due è in nero, cosa che mette a rischio anche la sicurezza dei lavoratori in un quadro di carenze di controlli”. Per Tarantino, “il 6% dei proventi derivanti dai controlli dovrebbero essere spesi per autofinanziare il sistema ispettivo. Ma c’è poi quell’enorme mole di finanziamenti disponibili che devono subito essere attivati, rimuovendo le cause dei blocchi, sia che siano di ordine amministrativo, sia che attengano alla capacità di spesa dei fondi europei o che rendano necessario l’allentamento dei vincoli del patto di stabilità”. La crisi ha ovviamente colpito tutta l’industria collegata: le cementerie, che hanno registrato un calo vertiginoso della produzione, e alcune , ad esempio quella di Porto Empedocle, hanno chiuso e anche il sistema dei laterizi e del legno. Ma ecco l’elenco delle risorse che possono essere sbloccate. La Fillea chiede che vengano aperti subito i cantieri per opere stradali per 2 miliardi e 121 milioni riferiti all’Anas e per 1 miliardo e 275 milioni riferiti al Cas. “I progetti sono già finanziati – ha detto Tarantino – e attendono solo una delibera di recepimento del Contratto istituzionale di sviluppo (Cis) per avviare Nord-Sud Camastra Gela (520 milioni); Licodia Eubea (112); Birgi-Mazara del Vallo (134); Bronte-Adrano( 55); Agrigento-Caltanissetta (990); Bolognetta Lercara (296); Tangenziale San Gregorio ( 10). Le opere del Cas sono la Siracusa-Gela e la Ragusa-Catania che sta appesa alla stipula di una convenzione fra ministero per le Infrastrutture e il project financing Tecnis. Anche per il sistema ferroviario sono stanziati 2 miliardi e 426 milioni per la direttrice Palermo-Catania e si è in attesa anche per quest’opera del Cis. “Noi – ha detto Tarantino – rivendichiamo il riposizionamento delle poste della Catania-Messina già stanziate nel 2004 e poi dirottate per finanziare ammortizzatori in deroga”. Il rilancio dell’edilizia, per la Fillea, deve fare leva anche sugli interventi per superare l’emergenza abitativa e dai lavori per l’interporto di Termini Imerese (78 milioni), per la messa in sicurezza delle scuole (40 milioni) per le reti fognarie e i depuratori: 1 miliardo e 150 milioni per 96 interventi sui quali si è in forte ritardo. E nel 2105 scatterà la sanzione dell’Europa. Ma anche su tutti gli interventi che attengono al risparmio energetico e alle manutenzioni, alla sicurezza del territorio. “Da parte della Regione – ha detto Tarantino – ci saremmo aspettati investimenti e iniziativa su un settore che soffre più di qualunque altro e che ha un ruolo anticongiunturale e invece non ci sono stati”. Assieme agli investimenti e allo sblocco dei cantieri dal segretario della Fillea è venuta forte la sollecitazione a tenere “alta la guardia contro il rischio di infiltrazioni mafiose. “Occorre ripensare le norme sul massimo ribasso – ha detto – così come vanno applicate sempre le linee guida antimafia e adottati i protocolli di legalità”. Il congresso della Fillea si chiuderà oggi stesso con l’intervento del segretario generale nazionale Walter Schiavella, l’elezione degli organismi e del segretario generale della Fillea in Sicilia.