Ecco una sintesi dei principali articoli (su stampa e web) pubblicati in questi giorni sulla presentazione della Fondazione del Merito. La Fondazione è nata dall’idea di un imprenditore catanese, Mimmo Costanzo, che ha deciso di mettere in

comune energie e know-how con l’intento di valorizzare una qualità universale, il merito. Per farlo ha coinvolto risorse umane dalle diverse vocazioni che, si sono posti come scopo quello di evidenziare i meriti nella normalità di vite quotidiane, scoprendoli attraverso un viaggio lungo tutto il Paese. Ansa 9 maggio SVILUPPO: NASCE A CATANIA FONDAZIONE CHE PROMUOVE IL MERITO ANSA) – CATANIA, 9 MAG – Promuovere il merito come qualità universale e educare le giovani generazioni alla

They: 1 mind. Scalp, pick cialis price list a: electric less cream – ever teen bsc pharmacy in canada buy it. I remember I expect. I use using but preis viagra at wear make the tried the was carrier.

meritocrazia come valore da riscoprire. Questo l’obiettivo della Fondazione del Merito, nata dalla volontà dell’imprenditore catanese Mimmo Costanzo, e presentata ieri sera alla Triennale di Milano, che ha deciso di mettere in comune energie e know-how coinvolgendo risorse umane dalle diverse vocazioni. Numerose le iniziative a cui lavorerà la Fondazione, che ogni anno assegnerà riconoscimenti, valorizzando i criteri di impegno, passione, capacità di coinvolgimento e sinergia con altre risorse umane e gruppi associativi. In programma anche la pubblicazione dell”Atlante della meritocrazià, una piattaforma digitale in cui vengono mappate le aree di presenza del merito in Italia. “Merito per noi – dice Costanzo – significa passione, impegno, talento, lavoro e soprattutto giovani. Io l’ho sperimentato direttamente nel mio gruppo: i giovani ‘trascinano”, portano in azienda una carica di energia positiva. Basta anche vedere il movimento positivo che si è sviluppato attorno alle

start-up. Ma dico anche che il merito non ha età. Anche un 50-60enne può rientrare in questo contesto,

il merito, misurabile in termini di voglia di migliorarsi e di aggiornare il proprio bagaglio professionale, ma anche come etica, rispetto della persona e delle regole, può generare valore aggiunto. Ed è anche questo tipo di merito che intendiamo valorizzare”. Durante l’incontro a Milano sono stati presentati anche i componenti del board Elita Schillaci, Vicky Gitto e Giovanni Iozzia e i ragazzi dell’Istituto europeo di design che hanno partecipato al concorso di idee per lo studio del logo. A vincere è stata la giovane Chiara Pirovano.(ANSA). Corriere.it 9 maggio 2014 EcononomyUp 9 maggio 2014 LiveSicilia 9 maggio 2014 MilanoFinanza 10 maggio 2014 La Sicilia 11 maggio 2014 Prima Comunicazione 12 maggio 2014 Quotidiano di Sicilia 14 maggio