Colpo di scena: i guru della cheapest viagra online finanza indicano l’Italia come potenziale economia emergente del 2014. Ma non eravamo in crisi? La tesi è stata pubblicata sul «Corriere della Sera» in un articolo apparso sabato 18 gennaio a pagina 8. L’Italia, nel breve periodo, tigre europea dell’economia? Sembra fantascienza, visti i tempi che corrono, e i dati macroeconomici deprimenti: primo su tutti quello della disoccupazione. Ma se a dichiararlo è Marco Mazzucchelli, managing director della Julius Bar – la più importante banca svizzera di pura gestione patrimoniale – allora la questione secondo me merita un approfondimento. La tesi di Mazzucchelli prende spunto da un’analisi attenta dell’andamento economico globale. Da alcuni mesi – afferma – i capitali escono dai viagrasildenafil-online.com mercati emergenti, come i Brics, per tornare in quelli maturi: Germania, Stati Uniti, Gran Bretagna, Giappone. Questo è determinato da una molteplicità di fattori; fondamentale – comunque – la fine del boom dei prezzi delle materie prime, ma anche l’instabilità politica in alcuni Paesi chiave come India, Turchia e Sudafrica. L’Italia, tra i grandi tadalafil online Stati http://cialistadalafil-onlinerx.com/ – cosiddetti maturi – presenta al momento il gap maggiore rispetto al pieno potenziale, con un reddito pro-capite sceso di ben oltre il 10%, rispetto al tetto massimo. Come dire, il fondo è già stato toccato, non si può che crescere e l’Italia ha tutte le carte in regola per farlo, ma deve cogliere l’attimo. grapefruit drug interactions cialis E un ulteriore aspetto positivo viene dall’ammorbidimento delle regole per il credito, che dovrebbe portare al superamento di uno dei problemi più gravi per l’economia italiana: la difficoltà a prestare denaro – da parte delle banche – a imprese e famiglie. Secondo l’analisi fatta da diversi stakeholder del mondo della finanza il Belpaese potrebbe scommettere sull’alto potenziale economico ancora inespresso, puntando soprattutto sui prodotti d’eccellenza e allargando buyviagraonline-cheaprx.com il raggio http://cialistadalafil-onlinerx.com/ della loro esportazione. E mi viene subito da pensare alla mia terra, alla Sicilia, che in quanto a eccellenze non è seconda a nessuno. Sono convinto che la nostra terra non possa solo sopravvivere, come è stato fino ad oggi, ma vivere pienamente puntando su tre capisaldi: turismo, agroalimentare e cultura. Bisogna colmare il profondo gap infrastrutturale di cui soffre la nostra terra, non solo creando le infrastrutture che mancano, ma potenziando e mettendo in relazione tra di loro quelle che esistono già.